Castle Freeman, Via con me, Marcos Y Marcos

7 giugno 2011 § Lascia un commento

Questa volta crediamo che Lorenzo Lanzi (storico illustratore della casa editrice) abbia davvero superato se stesso.

Questa la trama:

Lillian è alta e attraente, ha capelli morbidi fino alle chiappe, è molto tosta ma anche molto terrorizzata. Cerca qualcuno che stia con lei, che la protegga da Blackway. Blackway è un bastardo che ‘significa rogne’: le ha sgozzato la gatta, le ha fracassato la macchina, la terrorizza in tutti i modi. Wingate, lo sceriffo, se ne lava le mani.

Nell’illustrazione di Lanzi vediamo una donna che fugge in auto (meglio: non la vediamo, ma sappiamo che è una donna, e sentiamo la sua paura) lungo una strada inutilmente tortuosa. Un uomo la insegue a piedi, ma malgrado ciò sappiamo già che la raggiungerà. Entrambi persi nel buio di una foresta fatta di donne. Le gambe, la parte alta tosta e attraente di Lillian. In piena luce, il buio tra le foglie; nel deserto giallo, la foresta. Lorenzo Lanzi disegna cose che non ci sono.

Fra le copertine più belle dell’anno.

Paolo Nori, La meravigliosa utilità del filo a piombo, Marcos Y Marcos

4 aprile 2011 § Lascia un commento

Un bravo editore sa prendere in contropiede i propri lettori. Ci riesce Marcos Y Marcos presentandoci un inedito Lorenzo Lanzi futurista.

Sullo sfondo il solito pastello a piena pagina, ma delicato, stemperato per lasciare spazio alla voce dei colori dell’illustrazione: un’immagine geometrica e caotica che se da una parte si muove gioiosa, dall’altra implora la benedizione di un compasso, di una squadra, finanche di un filo a piombo che vengano a mettere un po’ d’ordine.

Munari e Depero sono dietro l’angolo e sorridono.

PS: per chi volesse vedere la nostra bella faccia ci trova questa sera alle 14.55  a Ti racconto un libro sul canale Iris del digitale terrestre. A Christian il nostro ringraziamento per la bella intervista 🙂

Marcos Y Marcos, qual è la vostra copertina preferita?

13 gennaio 2011 § 7 commenti

Ieri sera a Milano, alla Feltrinelli di Piazza Piemonte, è stata inaugurata la mostra dedicata ai 30 anni della casa editrice Marcos Y Marcos. Gli editori Claudia Tarolo e Marco Zapparoli, l’illustratore Lorenzo Lanzi (sue oltre 200 copertine della casa editrice) e il giornalista del Sole 24 ore Stefano Salis hanno ripercorso la storia della casa editrice in 24 storiche copertine. Poco da dire, moltissimo da guardare, enjoy yourself!

P.S. La nostra preferita è Controvento di Angeles Caso… e la vostra qual è?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Felice Cimatti, Senza colpa, Marcos Y Marcos

22 novembre 2010 § 2 commenti

Parlando di Marcos y Marcos qualche tempo fa, dicevamo: “lavorare col colore a tutta pagina è un procedimento sempre un po’ rischioso”. Ma per fare una bella copertina qualche rischio si deve correre.

Ed è così che nella grafica di Senza Colpa di Felice Cimatti, il colore si fa sfondo, spazio e personaggio. L’immagine riproduce in chiave animale la celebre foto dei Beatles scattata ad Abbey Road con in aggiunta una punta di geniale ironia: i Beatles tirano dritto mentre gli scimpanzè si fermano a chiedersi cosa ci sia sotto. C’è da imparare no? Otto più.

Camilla Trincheri, Cercando Alice, Marcos Y Marcos

4 novembre 2010 § 3 commenti

Lavorare col colore a tutta pagina è un procedimento sempre un po’ rischioso, difficile da conciliare con una forte identità di collana, specie se questa non viene espressa da elementi decorativi ricorrenti come cornici, loghi o impostazioni di spazi sulla pagina.

Eppure Marcos y Marcos di questo stile ha fatto la sua bandiera: sullo sfondo spazioso e colorato delle sue pubblicazioni campeggiano illustrazioni sbarazzine, sempre sorridenti e capaci di giocare col lettore. Come nell’ultimo libro di Camilla Trincheri in cui il lettore viene coinvolto fin dalla copertina nella ricerca di Alice le cui tracce si perdono dietro il puzzle delle ricostruzioni istituzionali e le colonne dei giornali dell’epoca. Interessante, sette e mezzo.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag marcos y marcos su Who's the reader?.