Massimo Carlotto, Alla fine di un giorno noioso, edizioni E/O

11 maggio 2011 § 2 commenti

Lo confessiamo: abbiamo sempre avuto una passione per le Iene. Per Tarantino no. Per le Iene si. E la copertina (mekkanografici) dell’ultimo Carlotto viene dritta dritta da quegli anni ’90. Partiamo dalla trama:

Dopo 11 anni di vita “onesta” Giorgio Pellegrini, viene truffato dal suo avvocato che, dopo averlo derubato, lo costringe a diventare un galoppino della criminalità organizzata. E’ costretto a subire. Proprio lui che per diventare un “vincente” non aveva esitato a rubare, rapinare, stuprare e uccidere. Vorrebbe ribellarsi, trovare una via d’uscita, ma le vie del crimine sono infinite.

Noir, quindi, che più noir non si può. In copertina, fronte alta e ciuffo al vento, ecco la copia sputata di Mr Brown, alias Dennis Koonstock, alias Quentin Tarantino che delle Iene firma regia e sceneggiatura. Segue titolazione cinematografica per disposizione dei caratteri e alternanza del corpo (vedere per credere). Doppia Beretta e un bianco e nero radicale, ci conducono nei territori dell’Hard boiled e della graphic novel di Milleriana memoria. Chissà che ne pensano Sartoris, Matteo Stefanelli e Patfumetto…

Bel progetto: nel genere, ma con la classe che contraddistingue Carlotto. E da domani tutti al Salone del libro!

Giuseppe Catozzella, Alveare, Rizzoli

14 aprile 2011 § 4 commenti

Romanzo-inchiesta sulla penetrazione della ‘ndrangheta al Nord. Tutto il progetto si gioca sui toni aggressivi del rosso e del nero; rosso per il prospetto, nero con fotografia dell’autore a tutta pagina in quarta -stessa soluzione della collana Strade blu Mondadori-, rosso per seconda e terza (illustrate), ancora nero per le bandelle.

L’illustrazione in stile fumetto di Andrea Cavallini, dello studio theWorldofDOT, rende bene il grigio e l’angoscia della metropoli aggredita dal cancro criminale. Fra i palazzi si erge la torre Velasca, centro d’affari, e sentinella sulla città, alveare grigio dove spesso nel romanzo si decide l’equilibrio di potere.

Non ci convincono gli inserti lucidi sulle travi della torre, sul faro e sulle macchie sparse che spezzano un po’ la vicinanza alle soluzioni da graphic novel d’impegno. Ad ogni modo progetto curato e d’impatto.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag fumetto su Who's the reader?.