Massimo Carlotto, Alla fine di un giorno noioso, edizioni E/O

11 maggio 2011 § 2 commenti

Lo confessiamo: abbiamo sempre avuto una passione per le Iene. Per Tarantino no. Per le Iene si. E la copertina (mekkanografici) dell’ultimo Carlotto viene dritta dritta da quegli anni ’90. Partiamo dalla trama:

Dopo 11 anni di vita “onesta” Giorgio Pellegrini, viene truffato dal suo avvocato che, dopo averlo derubato, lo costringe a diventare un galoppino della criminalità organizzata. E’ costretto a subire. Proprio lui che per diventare un “vincente” non aveva esitato a rubare, rapinare, stuprare e uccidere. Vorrebbe ribellarsi, trovare una via d’uscita, ma le vie del crimine sono infinite.

Noir, quindi, che più noir non si può. In copertina, fronte alta e ciuffo al vento, ecco la copia sputata di Mr Brown, alias Dennis Koonstock, alias Quentin Tarantino che delle Iene firma regia e sceneggiatura. Segue titolazione cinematografica per disposizione dei caratteri e alternanza del corpo (vedere per credere). Doppia Beretta e un bianco e nero radicale, ci conducono nei territori dell’Hard boiled e della graphic novel di Milleriana memoria. Chissà che ne pensano Sartoris, Matteo Stefanelli e Patfumetto…

Bel progetto: nel genere, ma con la classe che contraddistingue Carlotto. E da domani tutti al Salone del libro!

Annunci

Wolf Erlbruch, L’anatra, la morte e il tulipano, Edizioni e/o

10 gennaio 2011 § Lascia un commento

Piccolo gioellino -visto a Più libri più liberi- di cui ci eravamo dimenticati. Non sapevamo che la e/o avesse una collana di albi illustrati (Il baleno)… La scopriamo con questo testo del 2007 dell’autore e illustratore Wolf Erlbruch.

La storia dell’amicizia tra un’anatra gentile e una Morte ossuta e in grembiule da cucina. Una storia piena di domande importanti, le stesse dei bambini di fronte ai grandi misteri della vita. Una favola laica che racconta la fine scritta in tutte le cose. Poche parole,  bellissimi disegni: nove.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lia Levi, La sposa gentile, Edizioni e/o

7 dicembre 2010 § 3 commenti

Appena di ritorno da Più libri più liberi, con gli occhi ancora pieni di libri e  una borsa traboccante di pagine, cominciamo il nostro resoconto con una bella copertina della e/o a cura di Emanuele Ragnisco (Mekkanografici).

Per La sposa gentile di Lia Levi si è optato per la semplicità di una scala di grigi su sfondo a tinta unita di un bellissimo blu pastello (diciamolo: i colori pastello della e/o ci piacciono davvero molto).

L’uniformità delle superfici esalta i dettagli in rosso e oro, eppure è sorprendente l’equilibrio raggiunto: il bianco e il grigio del profilo vengono bilanciati dal colore dello sfondo, mentre al peso cromatico dei dettagli dorati risponde un leggero aumento del font nella titolazione. Eleganza distillata: otto e mezzo.

PS: da oggi ci trovate anche su FB 😉

Etgar Keret, La notte in cui morirono gli autobus, edizioni e/o

10 ottobre 2010 § 3 commenti

La copertina di La notte in cui morirono gli autobus di Etgar Keret è maledettamente magrittiana. Il blu pastello dello sfondo richiama alla mente una notte di sogni e di giochi dove piovono autobus anni sessanta. Le vetture sembrano giocattoli eppure mantengono qualcosa di inquietante che il tratto pastello non conforta. Bella l’alternanza del bianco panna e del celeste nella titolazione, mentre la linea bordeaux sulle fiancate spezza gradevolmente la  bicromia predominante ravvivandola. Otto e mezzo.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag e/o su Who's the reader?.