La copertina di Esodo, DJ Stalingrad, Elliot. Dj-set per la rivoluzione

22 marzo 2012 § Lascia un commento

Si fa chiamare DJ Stalingrad, è un noto esponente degli ambienti anarchici moscoviti. Musicista e creatore di azioni-blitz di matrice anarchica. Dopo la pubblicazione di Esodo, ricercato dalla polizia, ha lasciato la Russia. I suoi testi sono un eccesso di violenza e lirismo. Attraversa l’Europa in cerca della prossima rivoluzione.

Pugni al cielo per la rivoluzione, pugni al cielo nella notte elettronica moscovita, pugni al cielo nelle piazze. Popolo e politica, azione popolare e populista, sono categorie ormai esaurite (come qualche tempo fa si diceva a proposito di Obey), eredità di un tempo che non appartiene alla nostra generazione. Pugni alcielo un po’ per tutto, per ballare, protestare, maledire, fuggire. Firma Ifix.

Elliot riscopre Manlio Cancogni

16 dicembre 2011 § 2 commenti

Da qualche tempo l’editore Elliot si è dato a riscoprire l’opera di Manlio Cancogni, autore un po’ dimenticato ma da molti considerato fra le voci più interessanti del secondo novecento (secondo Antonio D’Orrico, ad esempio, “il migliore scrittore italiano vivente“).

Per l’occasione, ifix disegna copertine classiche per non dire antiche, senza ombra di vintage, ma per colori e tratti (che restano molto luminosi) non “vecchie”. Dell’iniziativa e dell’interpretazione grafica non possiamo che rallegrarci.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Donald Ray Pollock e le strade d’America, Elliot edizioni

7 novembre 2011 § Lascia un commento

 

 

 

 

 

 

 

Nessun luogo come l’America ha una storia fatta di strade. E nessuna storia è talmente intrecciata con la propria economia come quella Americana. Storia, pubblicità, emozioni, loghi e immaginario sono un tutt’uno così come nelle cover firmate Ifix dei libri di Donald Ray Pollock, pubblicati in italia da Elliot.

Insegne scrostate di squallidi cafè o di motel a poco prezzo, luoghi di passaggio dove non sei mai veramente il benvenuto. E’ l’Ohio di Pollock, una terra inospitale per i suoi stessi figli. Immagini evocative che solleticano nel nostro immaginario a stelle e striscie le immagini delle contee di Renegade o di Hazzard (dove la gente ha una doppietta dietro la porta, e non pochi scheletri -letteralmente- dentro l’armadio). La vecchia, cara, polverosa America di Italia uno.

Samuel Fuller, Il grande uno rosso, Elliot

25 maggio 2011 § Lascia un commento

Per scrivere una bella storia non c’è bisogno di troppe parole. Lo stesso vale per gli elementi di una bella copertina. Un fucile bianco, su sfondo nero. Il titolo originale, americano, inciso sulla canna col rosso del titolo. Sangue con nero e bianco.

In guerra ci sono eroi soli, neri, coperti di rosso. Noi crediamo che questa sia quasi poesia.

(Fra parentesi una critica: collana Raggi molto mista e, se vogliamo, graficamente un po’ scomposta).

Gianni Miraglia, Muori Milano Muori! elliot edizioni

28 marzo 2011 § Lascia un commento

“Sopravvivere, all’ombra dei palazzi, degli uffici e delle nuove installazioni finto-ecologiche che incorniciano la città”. La quarta di copertina di Muori Milano Muori! non lascia ombra di dubbio: si tratta di un romanzo nero, anzi nerissimo.

Perfetta la rispondenza con l’immagine di copertina (firmata Ifix Project): la città di Milano nel mirino, affogata nel buio. Si distingue il giro di piazza Castello, la pianta del duomo, la cerchia dei bastioni. Oltre, le strade si perdono nell’emorragia urbanistica come arterie spezzate. Aiuta una casualità: tutti i titoli della collana “scatti” sono in maiuscolo. Niente di meglio per un titolo “urlato” come quello in questione; bellissimo il contrasto fra il rosso su cui poggia la titolazione e il nero della pagina.

Aderente al contenuto, originale, esteticamente gardevole. Una copertina tre volte bella.

E. O. Wilson, Anthill, Elliot edizioni

19 dicembre 2010 § Lascia un commento

Solo due elementi per la semplicissima copertina di Anthill di E. O. Wilson, Elliot edizioni; due vite naturali: quella immobile dell’albero, secolare, fatta di radici, e quella fragile e dinamica della formica.

Perché si sappia: per quanto non ci piaccia crederlo noi siamo la formica, e abbiamo ancora molta strada da fare per giungere al midollo. Solo due elementi per raccontare una storia naturale fatta di colori caldi e contrasti forti a firma Ifix Project. Idee di clorofilla: otto.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag elliot su Who's the reader?.