Massimo Vitali, L’amore non si dice, Fernandel editore

1 dicembre 2010 § Lascia un commento

Dicevamo qualche tempo fa (in questo post): “scrivere lettere è ormai del tutto demodè. Gli unici che talvolta persistono in questa perversa, insana abitudine sono -oltre a uno sparuto, quanto agguerrito, gruppo di anziani professori universitari francesi di lingue antiche- gli innamorati”. O l’innamorato in questo caso.

Ma niente lettere d’amore, per carità! Lei non ne può più. “Edoardo accetta allora le imposizioni di Teresa e comincia a spedire lettere parlandole di tangenziali e lavandini, di sua sorella e di Napoleone, del vento e del pistacchio, di muscoli e di poesia, di Dio e delle cicale, di Elvis e supermercati”.

Di grande eleganza la copertina approntata dall’editore Fernandel di Ravenna, in cui il protagonista, sospeso nel bianco silenzio delle parole che non gli è concesso dire, si prepara a tuffarsi nell’oceano epistolare che lo aspetta. Simpatico il nuotatore (con spassoso costume d’altri tempi) disegnato dalla mano di Lilia Migliorisi: triste, bislacco, ma deciso; vero tocco di classe le onde disegnate dai timbri postali. Un tuffo da medaglia: otto più.

Tag:, ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Massimo Vitali, L’amore non si dice, Fernandel editore su Who's the reader?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: