Umberto Eco, La memoria vegetale e altri scritti di bibliofilia, Bompiani

10 luglio 2011 § 2 commenti

Viviamo un rapporto di amore-odio con i libri che parlano di libri. Da una parte li consideriamo un po’ irritanti, dall’altra ne siamo fatalmente attratti: ideali da portare in dono, perfetti come soprammobili, sono il miglior esempio di libri che non hanno alcuna necessità di essere letti e, per tanto, solitamente non li si legge (ma li si compra solo).

Eppure, nella loro inutilità, restano straordinariamente affascinanti. Quasi sempre inoltre hanno due pregi: sono ben scritti (presupponendo vaste letture da parte dell’autore) e sono ben  fatti (presupponendo un gusto comune tanto all’autore quanto al lettore a cui l’opera è indirizzata).

Prendiamo ad esempio la Memoria vegetale di Umberto Eco. Sullo sfondo un’elaborazione grafica da una stampa a carattere botanico: scelta non casuale visto che da sempre gli erbari sono stati fra i libri più cari ai bibliofili per la loro bellezza.

Poco sopra il baricentro del prospetto (fissato dal logo Bompiani a centro pagina), in una fascia bianca trova posto la titolazione: l’attenzione del lettore viene concetrata sul titolo lasciando in second’ordine il nome di Eco. Scelta coraggiosa, ma che qualifica subito il libro come un’opera di alto livello che rispetta il lettore e ne sollecita la curiosità intellettuale prima che lo stupore di pancia. Cortesia ben accetta, d’altra parte la bellezza della stampa sullo sfondo e l’equilibrio della pagina si saranno già conquistati il lettore più adatto.

Piacevole il contrasto fra lo sfondo opaco e  la fascia di titolazione lucida. Elegante anche la quarta di copertina: bianca, solo testo e nessuna foto dell’autore, ben congegnata in relazione al target di riferimento: non una parola su Eco ma tre paragrafi dove vengono spiegati il titolo del volume e il contenuto oltre a indicare le fonti di provenienza dei singoli contributi. Completa l’opera la rifilatura del taglio con gli angoli smussati. Un progetto di alto livello coniugato alla semplicità (e al prezzo) di un’edizione economia, sono soddisfazioni.

PS sullo stesso genere ci era molto piaciuto La febbre dei libri del libraio antiquario Alberto Vigevani, Sellerio editore, che ci sentiamo di consigliare calorosamente per la lingua affabile e liberale e la passione vera, mai divorante, ma come le passioni più autentiche nutrita da affetto silenzioso; specialissimo l’uso della punteggiatura: leggero, semplice e disponente. Può stancare, e a tratti certo snobismo può dare noia, ma non si smette mai di desiderare di ascoltare di più.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Don Giovanni e i suoi fratelli

2 ottobre 2010 § 2 commenti

“I suoi primi anni ci hanno messo in uno stato di grazia e l’assoluto stupore dinanzi a questa nuova vita ci ha conferito una sorta di genialità. Per lui siamo diventati narratori. Dal primo sbocciare in lui del linguaggio abbiamo incominciato a raccontargli delle storie. Era un talento che ignoravamo di avere. Ma il suo piacere ci ispirava, la sua felicità ci dava le ali.” (Daniel Pennac, Come un romanzo)

Nasce così la collana “Save the story”, da un’idea di Alessandro Baricco, con la partecipazione della scuola Holden e del gruppo editoriale l’Espresso. Grandi autori parlano a piccoli lettori raccontando i classici che più hanno amato. I primi titoli sono il Don Giovanni di Baricco, e i Promessi Sposi raccontati da Umberto Eco. Presto in libreria Il naso (Čechov) di Camilleri, e Cyrano de Bergerac (Rostand) di Stefano Benni . Belle le soluzioni grafiche dei primi due titoli. I malinconici acquarelli di Alessandro Maria Nacar illustrano splendidamente il Don Giovanni restituendolo alla sua dimensione vitalistica e decadente. Diversissimi invece i personaggi di Marco Lorenzetti, un tratteggio quasi giottesco che ravviva la più classica tradizione favolistica dell’illustrazione italiana. Solo lascia perplessi la varietà figurativa dei volumi diversi fra loro per stile e carattere di titolazione. Un’identità di collana più netta sarebbe stata più riconoscibile agli occhi dei piccoli lettori. Sette e mezzo.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag eco su Who's the reader?.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 165 follower